Hirokazu kobayashi

Nel 1946, il suo insegnante di karate lo raccomandò ad Osensei Morihei Ueshiba, il fondatore della disciplina dell’Aikido. Perciò Hirokazu si recò a Tokyo. Incontrato e conosciuto Ueshiba, partecipa alla vita del dojo, conoscendo anche un altro uke, Morihiro Saitō, con cui Kobayashi dividerà il suo ruolo di sparring partner con Ueshiba. In questo periodo, Kobayashi preferì utilizzare il bokken piuttosto che servire come uke, avvicinandosi perciò all’aikiken, la lotta con la spada. Kobayashi descrive il lungo periodo al dojo di Ueshiba non solo dal punto di vista professionale di uke, ma anche come compagno e amico di Ueshiba al di fuori del dojo. Nel 1954, Kobayashi lasciò Tokyo e si diresse ad Osaka. 3 anni dopo, ottenne la qualifica come insegnante di Aikido. Nel 1964, ottenne il 7° dan. Nello stesso anno, avvenne per lui un cambiamento fondamentale: infatti, gli fu chiesto da Osensei in persona di insegnare, per la prima volta in assoluto, l’aikido in Europa. Kobayashi, dunque, si recò in Occidente e qui organizzò numerosi corsi in altrettanti Paesi, in particolare Francia, Germania, Belgio, Italia, Svizzera e Olanda. <br>(cit. Wikipedia)

M. Giampietro Savegnago VIII Dan

Giampietro Savegnago

Il Maestro Giampietro Savegnago nato il 1 Novembre 1953, Piero per gli amici, ha iniziato a praticare Aikido nel 1972.
Dal 1976 divenne allievo del Maestro Hirokazu Kobayashi, partecipando ogni anno a quasi tutti i suoi stage in Europa. Nel 1980 si recò per la prima volta in Giappone nel dojo in cui insegnava il Maestro Kobayashi. Successivamente vi si recò un’altra decina di volte partecipando a diversi stage durante ogni viaggio.
La passione per l’aikido del Maestro Kobayashi lo ha portato a
collezionare diverse centinaia di stage con il Maestro Kobayashi, che
gli conferì il grado di VII dan.


Tenne stage in Germania, dove sono numerosi gli amici e sono molte le scuole che rimasero in contatto. Si recò inoltre periodicamente in Polonia ed in Ungheria dove tenne regolarmente stages. Dal 1982 fu consulente tecnico per la Polonia, dove i praticanti di Aikido sono diverse migliaia. Nel maggio del 2000, un incidente stradale lo aveva privato della gamba sinistra, dal ginocchio in giù. Una circostanza che avrebbe messo a dura prova chiunque, ma che non ha impedito al Maestro Savegnago di continuare a frequentare il tatami, e ad insegnare Aikido con immutato spirito. Negli ultimi dieci anni della sua esistenza ha continuato a stupire, oltre che sul tatami, anche i medici. Affetto da un mieloma, non si è dato per vinto fino all’ultimo suo respiro: «Vivo giorno per giorno fra lo stupore dei medici che mi hanno in cura e mi definiscono, quando mi vedono, un caso clinico unico». Ci ha lasciati il 3 Marzo 2013.

M. Virginio Laurini V Dan

Nato a Monza nel 1967, inizia a praticare Aikido nel settembre del 1989.
Ben presto, grazie alla guida del M. Giampietro Savegnago, partecipa agli stage tenuti dal M. Hirokazu Kobayashi in Italia.

Raggiunge il I Dan nel 1997, e nello stesso anno apre il suo primo corso di Aikido.

Pur continuando lo studio sotto la guida del M. Savegnago, ha seguito anche altri maestri, di Aikido e di altre discipline marziali (Judo, Kendo, Ju-Jitsu) e in più nazioni Europee.

M. Virginio Laurini V Dan

La maturazione delle competenze manageriali nell’ambito lavorativo ed il continuo aggiornamento nelle discipline marziali, gli ha permesso di creare il metodo didattico: Aikido For Managers  “A4M” , strumento elettivo per aiutare Dirigenti e Managers alla metabolizzazione dei principi di leadership.

Nei primi anni del 2000, su consiglio del M. Savegnago, inizia una stretta collaborazione con il M. Jacek Wysocki VIII Dan, direttore tecnico dell’Accademia Autonoma di Aikido Polacca, di cui diventa rappresentante in Italia.

La passione e la curiosità lo portano a praticare in vari paesi dell’Europa, e conoscere importanti Maestri di altre scuole, ed ha anche ospitato nel suo dojo Maestri come il M. Uchi-deshi Alan Ruddock, o il presidente e direttore tecnico Aikikai Ucraina il M. Igor Shmygin.

Dal 2015 entra a far parte dell’Unione Aikido Svizzera (UAS) e nel maggio del 2016 apre lo stage nazionale UAS al centro sportivo Olimpico di Macolin, dove gli viene riconosciuto il IV Dan UAS, e la proposta di responsabile del Ticino per l’associazione.

  • V Dan Associazione Italiana Aikido e Budo
  • IV Dan Unione Aikido Svizzera
  • III Dan F.I.J.K.A.M. – (Comitato Olimpico Nazionale Italiano)
  • I Dan IWAMA RYU
  • Rappresentante in Italia dell’Accademia Autonoma di Aikido Polacca.
  • Istruttore antiaggressione femminile metodo IMPACT (USA). Corsi base ed avanzati
2+